Le esportazioni italiane sono raddoppiate in 10 anni e gli Stati Uniti sono la prima destinazione dei prodotti italiani al di fuori dell’Unione Europea e la numero 3 a livello mondiale, dietro Germania e Francia.

Scopri i prodotti tipici italiani più esportati

Il food and beverage italiano, le cui esportazioni hanno continuato a crescere nel primo trimestre 2019, confermando il trend positivo registrato negli ultimi anni. Dal 2009 al 2019, le esportazioni italiane di prodotti alimentari e bevande verso il mercato europeo e statunitense sono raddoppiate, secondo le stime fornite dall’Italian Trade Agency (ICE), l’ente sostenuto dal governo che promuove il commercio di prodotti italiani autentici in tutto il mondo.

Nel primo trimestre l’Italia è rimasta al comando del 6 ° posto tra i maggiori fornitori internazionali di alimentari per la più grande economia mondiale, dietro a Messico, Canada, Cina, Francia e Cile. Le esportazioni di prodotti alimentari e bevande italiane negli Stati Uniti sono state pari a 1,25 miliardi di dollari nel periodo gennaio-marzo 2019, un aumento del 4,1% rispetto allo stesso periodo del 2018. Il risultato positivo ha seguito un aumento del 5,4% nel 2017 e un aumento del 3,4% nel 2016.

Esportazione prodotti alimentari italiani

L’Italia è il primo fornitore indiscusso di vino, formaggio, pasta, acqua e olio d’oliva di qualità. In aumento, inoltre, anche l’import statunitense di gelati, prodotti da forno e caffè, per un valore complessivo di circa 220 milioni di dollari nel 2018. Le carni lavorate mostrano un trend interessante. Dopo un 2016 difficile, le importazioni sono aumentate del 20% nel 2017 e del 21% nel 2018, portando l’Italia dal quinto al terzo posto tra i primi fornitori degli Stati Uniti.

Il vino italiano nel primo trimestre ha riconquistato il primo posto, dopo aver chiuso il 2018 al secondo posto dietro alla Francia, come dimostrano i dati forniti da ICE. Tuttavia, le importazioni sono diminuite dell’1,6% nel primo trimestre, dopo essere aumentate lo scorso anno del 6,8% a 1,9 miliardi di dollari, il livello più alto degli ultimi cinque anni. I produttori di vino italiani, supportati da una campagna sostenuta dal governo organizzata da ICE, hanno cercato di riposizionare i loro rinomati vini nel mercato statunitense aumentando la percezione dei consumatori e, in ultima analisi, i prezzi. I prezzi medi hanno raggiunto i 5,9 dollari al litro, in crescita del 5,4% rispetto ai 5,6 dollari / litro del 2017. Circa un quarto del vino italiano esportato è venduto negli Stati Uniti.

L’olio d’oliva italiano rimane il vincitore nella sua categoria in quanto deve affrontare la concorrenza con la Spagna, ma condizioni meteorologiche e batteri sfavorevoli hanno colpito la produzione e le esportazioni, che sono diminuite in termini di valore dell’8,7% nel primo trimestre, dopo una contrazione del 4,5% nel 2018. In termini di volume , la performance è stata leggermente positiva nel trimestre (+ 0,9% rispetto al primo trimestre 2018). Nel 2018, i volumi sono diminuiti del 5,7%, secondo il rapporto ICE. La Spagna, il concorrente più vicino all’Italia seguita dalla Tunisia, ha registrato una performance decisamente migliore nel primo trimestre (+ 14,5% in valore, + 45,2% in volume). Il Marocco e il Portogallo sono cresciuti più della Spagna, sebbene siano esportatori minori.

Come funziona il Forex trading?

La pasta ha registrato un primo trimestre brillante, con esportazioni in aumento del 17,9% nei primi tre mesi dell’anno, prolungando un 2018 positivo con un aumento del 12,9% rispetto all’anno precedente.

Quando si parla di carni lavorate, compresi salame e prosciutto, l’Italia continua a crescere. Dal 2017 il trend è rimasto positivo, aiutato dall’abolizione di alcune restrizioni all’importazione di salumi. Nonostante la concorrenza di Canada e Brasile, le esportazioni italiane verso gli Stati Uniti sono aumentate del 22,3% nei primi tre mesi dell’anno in valore e del 29,1% in volumi.

Secondo un sondaggio commissionato da ICE New York, la grande maggioranza dei consumatori americani riconosce l’importanza dell’autenticità nei prodotti italiani che acquistano. Alla domanda se ritengano molto importante che un prodotto sia Made in Italy, il 67% degli intervistati ha concordato. Inoltre, il 64% dei consumatori intervistati ha dichiarato di essere disposto a pagare di più per un prodotto autentico. Rispetto a un sondaggio compilato nel 2015, i risultati mostrano un crescente interesse dei consumatori per il prodotto made in italy.

Clicca qui per scoprire oppure inserire gli autentici prodotti Italiani sulla piattaforma findinitaly.com

Share.

Comments are closed.

Exit mobile version